Gino Rossi, Arturo Martini e gli altri

Trama

Catalogo dell’omonima mostra tenutasi presso il Museo Civico Luigi Bailo di Treviso dal 31 ottobre
2001 al 27 gennaio 2002, raccoglie una serie di saggi critici su Giuseppe Mazzotti e la sua opera di
instancabile promotore dell’arte in Italia.
Pittore, scrittore, alpinista, fotografo, la passione per l’arte ha guidato il cammino di Mazzotti, portandolo, a partire dagli anni Venti, a rivestire un ruolo che si è rivelato determinante per l’arte italiana,
dalla valorizzazione di importanti artisti trevigiani tra i quali Gino Rossi e Arturo Martini, alla sensibilizzazione e al successivo avvio di un progetto di recupero nei riguardi di quel prezioso patrimonio
storico nazionale che sono le Ville Venete.
A Gino Rossi e Arturo Martini sono dedicati due saggi di Nico Stringa, sui rapporti professionali e di
amicizia che hanno legato per anni i due artisti – entrambi scomparsi nel 1947 – a Giuseppe Mazzotti.
I dipinti del primo, le sculture del secondo, creazioni di ingegni tormentati e non sempre compresi, trovarono in Mazzotti un critico e un divulgatore attento, capace di scuotere gli animi e attirare l’interesse
del pubblico.
La seconda parte del volume illustra le opere esposte nel corso della mostra, suddivise per autore,
a ricostruire quel “cenacolo” di artisti che Mazzotti con le sue relazioni aveva idealmente creato attorno a sé.
Un gruppo di artisti che si pongono emblematicamente a testimonianza di un periodo della storia dell’arte italiana

Dettagli

10,33 

ISBN: 9788884090072 Argomento:

Informazioni aggiuntive

Dimensioni: 15,5 × 15,5 cm
ISBN-10: 8884090075
Sottotitolo: Il “Cenacolo” di Bepi Mazzotti
Autore: Autori Vari
Pagine: 168
Immagini: b/n e colori
Confezione: brossura
Anno edizione:
Casa editrice: Canova